Friday Heirloom 2020

Friday Heirloom 116: Wonder-full is the future of museums (sponsored by #AAMvirtual 2020, finished on June 29th, 2020)

If anyone had told me I’d have lived through a global pandemic in my lifetime I’d never have believed it. Yet, in times like these, we have no choice but to think about what really matters while the world around us is shifting under our eyes and the certainties we once treasured seem to vanish like sand. I’m surely not the only one in wishing for hope right now, although one of the positives of being alive at this very moment is that one can find almost everything one wants, if one looks for it hard enough.

Until the beginning of 2020 (which, by the way, started with pressing demands — including but not limited to the devastating fires in Australia and the threat of a World War III), the museum world was buzzing with energy and the ever-increasing pressure on curatorial teams to produce exhibitions that matter to an (also ever-) changing community was real. Professionals of all kinds were flying all over the world and the artists themselves were apt and willing to give their best to be present. But then coronavirus shut everything down. 

As ICOM puts it

« The economic impact of the crisis and closure of museums will be important in the short, medium and long term alike, regardless of their main sources of funding. Although we cannot ignore the differences in terms of funding structures of cultural institutions and world regions, participants’ responses highlight a widespread climate of great concern and uncertainty, with 12.8% of participants saying that their institution may close permanently, more than 80% of programmes reduced and almost a third of museums forced to reduce their staff. » 

I was recently selected among a group of museum professionals to define the word “museum” in today’s reality (for the Museological review, Issue 24). What I thought, as I sat down trying to come up with a definition, is that our museums should not be shy temples of beauty: in order to thrive, stay relevant and operate to serve the public they must take risks and be agents of change. And yes, the future of museums (and of us museum professionals) has always been hard to predict. But at this time more than ever we can all sense that it’ll never be what it’s been. We also have a history of knowing that great things come out of disasters, that the lotus flower rises from the mud, and that some of the greatest things were conceived during global catastrophes.

I find it difficult to believe that, as I write this, it’s only been just over a month since we returned to “normal” here in Italy, and by normal I mean that we witnessed the reopening of cafés, bars and restaurants (although the shadow of the times we just passed is still falling on us as we cautiously help each other with groceries or stand in line keeping a distance). We barely left the house for about three months and, although, maybe, all this looking within felt somehow good at the beginning I think the quarantine had most people locked up with their inner monsters.

Anyhow, the moment I was asked to join the American Alliance of Museums as a Social Media Journalist for their very first virtual annual meeting I was jumping for joy. I knew I had to be part of it. I’m assuming it isn’t the first time AAM documents the dark moments in our history, yet these are really unexplored and unprecedented times, where everything is done remotely, including the organizing, lecturing, explaining and producing of activities. And this sounds paradoxical for museum people: museums allow us to wander as we wish, be active, explore the world by ourselves or with others, arising in us the desire to become  somebody: a searcher of rocks, a plant collector, a zoologist, a palaeontologist.

Getting ready for #AAMvirtual 2020 – Carbonara helped!

I must admit I’ve often dreamed of a world without the internet, but recently the internet has been my world and the virtual my reality. The closure of museums during lockdown gave more and more space to the digital side of things, with arts organizations showing their flexibility and adaptability on one side and their structural vacancies on the other side, in terms of resources, staff and quality of shared content.

If I think about how excited I was about San Francisco and how I had to readapt to reality, including the way I’m approaching this post, I feel destabilized and shaken to the core. Like last year, my role as a #AAMSMJ was to be an amplifier, spreading the word online and continue the conversations mostly through Twitter and Instagram, therefore allowing for a greater diffusion of the Annual Meeting’s multiple talks and sessions and giving the general public the chance to be part of it. What made me the happiest was to see how interconnected humans can be despite the physical distance.

Wise words

Being online can be challenging and exhausting. Keeping your concentration high at all times can be very demanding (even more than a regular conference). Nothing can compare, obviously, to the in-person experience and I did miss seeing everyone in person, exploring the city and the local museums and the networking sessions offline. But I’m still glad we could “be together”.

To be part of #AAMvirtual has been a fantastic experience. I spend quite some time online and, truth to be told, I didn’t know what to expect when I accepted; I just knew I wanted to help. I believe the greatest achievement of AAM and its staff over the conference was to show heart and flexibility while considering the news and facts happening in real time, facilitating the conversations among all its participants whenever possible. 

For instance, I loved how the panel “Building bridges while fighting racism and xenophobia” highlighted the role of modern museums to bring people together regardless of their differences and to build communication and understanding among humans. Another timely panel (still, unfortunately, in 2020!) was “Racism, unrest, and the role of the museum field” led by Dr. Johnnetta Cole, Smithsonian Secretary Lonnie Bunch and Oakland Museum of California’s director and CEO Lori Fogarty, which was above all a discussion on how to keep the fight against racism on the top of our minds in what are harsh times especially for  the people in the Black communities.

As Ms. Laura Lott put it in one of their remarks, “Now is the time to rebuild a better museum field”, making sure the forced break from our friends, our colleagues and our institutions is a gateway to the re-consideration of our priorities and to create the bases for change. That’s why “radical re-imagining” as a theme is definitely on point as we’re actually missing the miracles of regular life and the wonder that they can bring. And wonder is what I feel every time I think about this theme: “radical” is a powerful word, leading to new and unexpected things (“wonder”), but we can (and should) still craft our paths forward by looking at the past.

Let’s re-do with the goal of happiness for us and the goal of relevance for our organizations. What doesn’t kill us makes us stronger, but the work must start from the top and continue at the bottom, with everyone’s humble union; it’s a work of leadership. That’s what the different sessions at AAM highlighted this year, for the most part.

Another one of my favourite sessions was the one led by the Center for the Future of Museums director Elizabeth Merritt, who gave us different (financial) scenarios for museums after the pandemic, inviting us to consider who values museums today and why since that’s where the funds come from and that’s what will soon determine the position museums will take in the world.

E.M. at #AAMvirtual 2020

Some other sessions, instead, focussed on distance learning and the creation of virtual engaging experiences, and I thought they were really helpful even to me as a blogger! Everyone wants to increase their reach these days and being accessible online is mandatory. For instance, the California Academy of Sciences’ distance learning mission is to help learners “build the necessary skills and inspiration to explore, explain and sustain life.” I love it.

Anyways, yes, it is almost impossible to imagine life returning to “normal” after this year, whatever normal was, but life will return and is returning as I type this. I’m not sure what it will look like. No one knows, although it’s nice to see people’s creativity arise in the meantime. As we museum people know, history teaches that all disgraces have an end and when they end all we have left are the stories that we so love to tell and to bring into museums. Until WE become the stories. And our love for stories will grow even more uncontainable; it already has. People will keep getting together to tell the stories because that’s what humans are about, that’s how we connect with one another, how we validate our experiences and how we make sure they stay with us forever.

Testo Italiano

Friday Heirloom 116: Mera-viglioso è il futuro dei musei (sponsorizzato da #AAMvirtual 2020, terminato il 29 Giugno 2020)

Se qualcuno mi avesse detto che avrei vissuto una pandemia globale nella mia vita non ci avrei mai creduto. Eppure, in tempi come questi, non abbiamo altra scelta che pensare a ciò che conta davvero mentre il mondo intorno cambia sotto i nostri occhi e le certezze che un tempo amavamo sembrano svanire come sabbia. Sicuramente non sono l’unica a desiderare speranza in questo momento, anche se uno degli aspetti positivi dell’essere vivi in ​​questo momento è che si può trovare quasi tutto ciò che si vuole, se lo si cerca abbastanza.

Fino all’inizio del 2020 (che tra l’altro è iniziato con richieste pressanti, inclusi ma non soli i devastanti incendi in Australia e la minaccia di una terza guerra mondiale), il mondo dei musei era pieno di energia e di una pressione sempre crescente sui team curatoriali per produrre mostre importanti per una comunità in (anch’essa continua) evoluzione era reale. Professionisti di ogni genere volavano in tutto il mondo e gli artisti stessi erano pronti e disposti a dare il meglio di sé per essere presenti. Ma poi il coronavirus ha bloccato tutto.

Come dice ICOM:

« L’impatto economico della crisi e della chiusura dei musei sarà importante a breve, medio e lungo termine, indipendentemente dalle loro principali fonti di finanziamento. Sebbene non si possano ignorare le differenze in termini di strutture di finanziamento delle istituzioni culturali e delle varie regioni del mondo, le risposte dei partecipanti evidenziano un diffuso clima di grande preoccupazione e incertezza, con il 12,8% dei partecipanti che afferma che la propria istituzione potrebbe chiudere definitivamente, con una riduzione di oltre l’80% dei programmi e con quasi un terzo dei musei costretti a ridurre il proprio personale. »

Di recente sono stata selezionata tra un gruppo di professionisti museali per definire la parola « museo » nella realtà odierna (per la Rivista Museologica, Numero 24). Quello che ho pensato, mentre mi sedevo cercando di dare una definizione, è che i nostri musei non dovrebbero essere timidi templi di bellezza: per prosperare, rimanere rilevanti e operare al servizio del pubblico devono correre dei rischi ed essere agenti di cambiamento. E sì, il futuro dei musei (e di noi professionisti dei musei) è sempre stato difficile da prevedere. Ma in questo momento più che mai possiamo tutti sentire che non sarà mai quello che è stato. Abbiamo anche una storia in cui sappiamo che dai disastri nascono grandi cose, che il fiore di loto sorge dal fango e che alcune delle cose più grandi sono state concepite durante le catastrofi globali.

Faccio fatica a credere che, mentre scrivo, sia passato solo poco più di un mese da quando siamo tornati alla « normalità » qui in Italia, e per normalità intendo dire che abbiamo assistito alla riapertura di caffè, bar e ristoranti (anche se il l’ombra dei tempi appena trascorsi cade ancora su di noi mentre ci aiutiamo cautamente a vicenda con la spesa o ci mettiamo in fila mantenendo le distanze). Siamo a malapena usciti di casa per circa tre mesi e, anche se, forse, tutto questo guardarsi dentro sembrava in qualche modo bello all’inizio, penso che la quarantena abbia fatto confrontare la maggior parte delle persone con i loro mostri interiori.

Ad ogni modo, nel momento in cui mi è stato chiesto di unirmi all’American Alliance of Museums come Social Media Journalist per il loro primissimo incontro annuale virtuale, ho fatto i salti di gioia. Sapevo che dovevo farne parte. Presumo che non sia la prima volta che AAM documenti i momenti bui della nostra storia, ma questi sono tempi davvero inesplorati e senza precedenti, in cui tutto viene svolto a distanza, compresa l’organizzazione, la diffusione, la spiegazione e la produzione di attività. E questo suona paradossale per le “persone dei musei”: i musei ci permettono di vagare come vogliamo, essere attivi, esplorare il mondo da soli o con gli altri, facendo nascere in noi il desiderio di diventare qualcuno: un ricercatore di rocce, un collezionista di piante, uno zoologo, un paleontologo.

Devo ammettere che ho spesso sognato un mondo senza Internet, ma recentemente Internet è stato il mio mondo e il virtuale la mia realtà. La chiusura dei musei durante il lockdown ha dato sempre più spazio al lato digitale delle cose, con le organizzazioni artistiche che mostrano la loro flessibilità e adattabilità da un lato e le loro strutture vacanti dall’altro, in termini di risorse, personale e qualità dei contenuti condivisi.

Se penso a quanto ero entusiasta di San Francisco e a come ho dovuto riadattarmi alla realtà, compreso il modo in cui mi sto approcciando a questo post, mi sento destabilizzata e scossa. Come l’anno scorso, il mio ruolo di #AAMSMJ era quello di “amplificare”, facendo passaparola online e continuando le conversazioni principalmente attraverso Twitter e Instagram, consentendo così una maggiore diffusione dei molteplici talk e sessioni dell’Alleanza Americana dei Musei e dando al pubblico la possibilità di farne parte. Ciò che mi ha reso più felice è stato vedere come gli esseri umani possano essere interconnessi nonostante la distanza fisica.

Essere online può essere una sfida estenuante. Mantenere alta la concentrazione può essere molto impegnativo (anche più di una normale conferenza). Niente può essere paragonato, ovviamente, all’esperienza dal vivo e mi è mancato vedere tutti di persona, esplorando la città e i musei locali e le sessioni di networking offline. Ma sono comunque contenta che siamo riusciti a « stare insieme ».

Far parte di #AAMvirtual è stata un’esperienza fantastica. Passo parecchio tempo online e, a dire il vero, non sapevo cosa aspettarmi quando ho accettato; sapevo solo che volevo aiutare. Credo che il più grande risultato di AAM e del suo staff durante la conferenza sia stato quello di mostrare cuore e flessibilità considerando le notizie e i fatti che accadono in tempo reale, facilitando le conversazioni tra tutti i suoi partecipanti quando possibile.

Ad esempio, mi è piaciuto il modo in cui il panello “Costruire ponti combattendo il razzismo e la xenofobia” ha evidenziato il ruolo dei musei moderni per riunire le persone indipendentemente dalle loro differenze e per costruire comunicazione e comprensione tra gli esseri umani. Un altro panel tempestivo (ancora, sfortunatamente, nel 2020!) è stato “Razzismo, tumulto, e il ruolo del settore museale” guidato dalla Dr. Johnnetta Cole, dal segretario dello Smithsonian Lonnie Bunch e dalla direttrice e CEO dell’Oakland Museum of California Lori Fogarty, pannello che è stato soprattutto una discussione su come mantenere la lotta contro il razzismo in cima alle nostre menti in quelli che sono tempi duri soprattutto per le persone nelle comunità nere.

Come ha affermato la signora Lott in una delle sue osservazioni, “Ora è il momento di ricostruire un settore museale migliore”, assicurandoci che la separazione forzata dai nostri amici, dai nostri colleghi e dalle nostre istituzioni sia una via d’accesso alla riconsiderazione delle nostre priorità e creare le basi per il cambiamento. Ecco perché il tema del “re-immaginare radicalmente” è decisamente pertinente, poiché in realtà ci mancano i miracoli della vita normale e la meraviglia che possono portare. E meraviglia è quello che provo ogni volta che penso a questo tema: “radicale” è infatti una parola forte, che porta a cose nuove e inaspettate (“mera-vigliose”), ma possiamo (e dovremmo) ancora costruire i nostri percorsi guardando al passato.

Ricostruiamo con l’obiettivo della felicità per noi e con l’obiettivo della pertinenza per le nostre organizzazioni. Ciò che non ci uccide ci rende più forti, ma il lavoro deve partire dall’alto e continuare dal basso, con l’umile unione di tutti; è un lavoro di leadership. Questo è ciò che le diverse sessioni di AAM hanno evidenziato quest’anno, per la maggior parte.

Un’altra delle mie sessioni preferite è stata quella guidata dalla direttrice del Centro per il futuro dei musei Elizabeth Merritt, che ci ha fornito diversi scenari (finanziari) per i musei dopo la pandemia, invitandoci a considerare chi valorizza i musei oggi e perché, poiché è da lì che provengono i fondi ed è quello che presto determinerà la posizione che assumeranno i musei nel mondo.

Alcune altre sessioni, invece, si sono concentrate sull’apprendimento a distanza e sulla creazione di esperienze virtuali coinvolgenti, e ho pensato che fossero davvero utili anche a me come blogger! Tutti vogliono aumentare la loro portata di questi tempi ed essere accessibili online è obbligatorio. Ad esempio, la missione di apprendimento a distanza della California Academy of Sciences è aiutare gli studenti a “costruire le competenze e l’ispirazione necessarie per esplorare, spiegare e sostenere la vita.” Adoro.

Ad ogni modo, sì, è quasi impossibile immaginare che la vita torni alla “normalità” dopo quest’anno, qualunque cosa fosse essa fosse, ma la vita tornerà e sta tornando mentre scrivo. Non sono sicura di come sarà. Nessuno lo sa, anche se è bello veder fiorire la creatività della gente nel frattempo. Come noi museali sappiamo, la storia insegna che tutte le disgrazie hanno una fine e quando finiscono non ci restano che le storie che amiamo tanto raccontare e portare nei musei. Fino a che NOI diventiamo le storie. E il nostro amore per le storie diventerà ancora più incontenibile; lo è già. Le persone continueranno a riunirsi per raccontare storie perché è questo che fanno gli esseri umani, è così che ci connettiamo gli uni con gli altri, ed è così che convalidiamo le nostre esperienze assicurandoci che rimangano con noi per sempre.

One thought on “Friday Heirloom 116: Wonder-full is the future of museums (sponsored by #AAMvirtual 2020, finished on June 29th, 2020)

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s